La conquista del voto e Repubblica italiana

Il 2 giugno in Italia è una giornata molto importante perché si festeggia la nascita della Repubblica.

Un anno dopo il termine della Seconda Guerra Mondiale e la sconfitta del fascismo, gli italiani, e per la prima volta anche le italiane, sono chiamati alle urne per scegliere, attraverso un referendum, la forma di governo da adottare, e per eleggere i membri dell’Assemblea Costituente, incaricata di redigere la Costituzione. Con 12.718.641 voti a favore e 10.718.502 voti contrari, il nostro Paese diventa una Repubblica e i monarchi di casa Savoia vengono esiliati dopo 85 anni di regno.

L’articolo 1. della Costituzione italiana, entrata in vigore il primo gennaio del 1948, recita infatti: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. 

Oggi nelle città italiane il 2 giugno vengono organizzati cortei e manifestazioni per ricordare il legame tra la Repubblica e la Costituzione, pilastro della democrazia. Tuttavia, l’evento principale organizzato dallo Stato a Roma (e anche in altri Comuni) ha un carattere marcatamente militare: sfila una parata con i corpi dell’esercito mentre le frecce tricolori attraversano i cieli con spettacolari acrobazie.

Sono in molti però oggi a chiedersi se sia giusto dare una valenza così militare a questa giornata. Non sarebbe meglio far sfilare i cittadini e organizzare delle attività per festeggiare la conquista del diritto di voto?

Si potrebbe magari ricordare quella lunghissima fila di persone davanti ai seggi che aspettavano il loro turno ripassando mentalmente la crocetta  da fare sulla scheda elettorale. Milioni di donne che votavano per la prima volta con molta emozione; molte persone ancora sofferenti per i loro cari persi in guerra, ma allo stesso tempo felici perché poter votare significava, e significa,  poter scegliere un futuro nuovo e migliore. Forse proprio di questi tempi sarebbe importante ricordare il potere che ha il voto.

Voi come festeggereste la festa della Repubblica?

Vi lasciamo alcune interessanti testimonianze di donne che raccontano la loro prima esperienza alle urne. Buon ascolto!

 

 

Un pensiero su “La conquista del voto e Repubblica italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...