I dialetti e le canzoni

Da quando la lingua italiana si è diffusa su tutto il territorio, nessuno usa più il dialetto con estranei e ancor meno con persone di altre regioni o Paesi, non preoccupatevi!

Ciò nonostante, i dialetti, grazie all’espressività comunicativa che li caratterizza, rappresentano una risorsa di immenso valore per i parlanti in un ambito informale. Tra amici, in famiglia o con i vicini di casa l’uso di un’espressione dialettale ci permette di dare una sfumatura in più a quello che viene detto.

I dialetti italiani sono molto diversi tra loro e queste differenze, percepibili anche a distanza di pochi chilometri, diventano abissali tra regioni lontane. Per esempio se un siciliano e un veneto decidessero di parlare ognuno il proprio dialetto sarebbe necessario un interprete per garantire la comunicazione.

Tuttavia, tutti i parlanti conoscono,  e sono in grado di usare, alcune espressioni appartenenti ai diversi dialetti e considerate divertenti ed espressive. Questo grazie all’uso del dialetto negli sketch televisivi e radiofonici o al contatto con amici di altre regioni all’università o al lavoro.

I dialetti inoltre vengono usati anche nella letteratura, nei fumetti e nelle canzoni. Oggi vi proponiamo alcune delle nostre canzoni in dialetto preferite con una breve spiegazione. Buon ascolto!

  1. Pin floi dei Pitura Freska.  I Pitura Freska erano un gruppo reggae veneto. In questa canzone parlano del concerto dei Pink Floyd sul Canal Grande a Venezia che si è trasformato in un vero e proprio delirio.
  2. Ciuri, ciuri di Roy Paci e gli Aretuska. Aretuska è un gruppo musicale siciliano formato dal cantatore Roy Paci e diversi musicisti. Ciuri, Ciuri è una canzone popolare siciliana della fine dell’Ottocento. Il titolo significa fiori, fiori e parla d’amore e percezione della bellezza.
  3. Me siente? dei 99 Posse. I 99 Posse sono un gruppo napoletano di raggamuffin, rap e dub. Me siente? va ascoltata a tutto volume e parla di sensazioni che proviamo.
  4. Er traffico de Roma delle Radici nel Cemento. Le Radici nel cemento è un gruppo di ska e reggae romano. Questa canzone, come suggerisce il titolo, descrive l’incubo della capitale: il traffico.
  5. Sciamu a ballare dei Sud Sound System. I Sud Sound System sono un sound system salentino (Puglia) di raggamuffin e dancehall. Sciamu a ballare significa andiamo a ballare e la canzone parla di una festa contagiando la voglia di andare a ballare.
  6. La Fòla dal Magalas dei Modena City Ramblers. I MCR sono un gruppo modenese (Emilia Romagna) di folk irlandese che mischiato con altri ritmi crea il genere combat folk. Questa canzone, come spiega il cantante all’inizio del video, parla di una leggenda.
  7. Caciucco blues dei Gatti Mézzi. I Gatti Mézzi sono un gruppo di swing e jazz pisano. Questa canzone parla dei livornesi e dell’inamicizia tra Pisa e Livorno.
  8. Zena bruxa dei Sensasciou.  I Sensasciou sono un gruppo genovese di world music. Zena bruxa significa Genova Brucia e parla di un gruppo di immigranti genovesi che sbagliano destinazione.

Conoscete altre canzoni in uno dei dialetti italiani?

 

Annunci

Una risposta a "I dialetti e le canzoni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...