Lessico: magari!!, magari e magari…

Oggi vi parliamo di una parola che incuriosisce spesso gli studenti di italiano: MAGARI.

Magari a stuzzicare l’attenzione è il suono di questo termine di origine greca, o magari il fatto che, avendo diversi significati, è una parola che si utilizza spesso. L’altro giorno uno studente ci ha confessato che quando ha partecipato alla sua prima conference call con i colleghi italiani pensava che “Magari” fosse un membro importante del team. (Magari è stato questo episodio a spingerlo ad iscriversi al corso).

Vediamo insieme gli usi principali!

  1. Magari come esclamazione. Magari!

Quando usiamo magari come esclamazione (di solito in una risposta) possiamo voler esprimere un desiderio (irrealizzabile, ahimè) o un rimpianto.

  • Domenica vieni al mare con noi?
  • Magari!! ( = mi piacerebbe ma non posso; è come se dicessi: “magari potessi venirci”).
  • Hai mai visto Lucio Dalla dal vivo?
  • Magari! (= non l’ho mai visto, ma mi sarebbe piaciuto).

Possiamo anche usare magari per esprimere un desiderio:

Magari capissi il bene il portoghese! Magari potessi viaggiare per un anno! Magari potessi comprare una villa con il giardino in centro a Madrid!

 

2. Magari come avverbio con diverse sfumature. Magari.

Usiamo magari come sinonimo di forse per fare un’ipotesi o esprimere un’incertezza.

  • Sai perché Luisa non è ancora arrivata al corso?
  • Boh, magari ha perso il treno
  • Quando ci rivedremo?
  • Magari in agosto. Ti faccio sapere appena prendo i biglietti.
  • Magari mi sbaglio, ma il nuovo capo sembra poco simpatico.

 

Lo possiamo usare anche per rifiutare una proposta che non ci entusiasma. Magari…

  • Ti va di venire a cena da me?
  • Magari… è meglio se facciamo un’altra volta!

Come sinonimo di addirittura per indicare una scelta che, per quanto estrema, preferiamo ad un’altra.

  • Accetterai di scrivere l’articolo per quel giornale?
  • Manco morta! Magari presto resterò senza soldi, ma non ho nessuna intenzione di collaborare con loro mentendo!

Come sinonimo di semmai, eventualmente.

  • Domani forse tornando dalla montagna passiamo da te!
  • Magari avvisatemi così vi preparo qualcosa di buono per cena.

Come sinonimo di anche se.

  • Saliremo in cima al Monte Bianco, magari con qualche tappa, ma ce la faremo.
  • Magari ci metterò un po’ di tempo con tutti gli impegni che ho, ma voglio imparare l’italiano alla perfezione.

E per finire ecco alcune frasi divertenti prese da alcune pagine web italiane!

 

 

 

.

 

 

 

Annunci

¿Cómo se dice comida en italiano?

Una de las preguntas que probablemente más nos hacen en clase es: ¿Como se dice comida en italiano?

Confesamos que, en cuanto contestamos, algunos estudiantes ponen cara de maravilla, como si se esperaran algo diferente.

Entonces, ¿Cómo se dice en italiano comida? Se dice cibo y deriva del latin bu(m).

¿Os suena de algo? Seguramente algunos se acordarán que la palabra cibo existe también en castellano, como nos recuerda la RAE, pero al ser desueta igual no le suena a todo el mundo. ¿Y si os decimos: cebo?

¡Pues sì! Tanto la palabra cibo italiana cuanto la palabra cebo española provienen de la misma palabra latina.

Pero si en español cebo es la comida de los animales il cibo es la comida tanto de los hombres como de los animales 🙂

Así que, podríamos escuchar frases en italiano como:

– Mangiare cibo sano è fondamentale per la salute.

– Mi piace il cibo piccante.

– Adoro il cibo messicano (en este caso también podemos decir : Adoro la cucina messicana)

– Compro cibi surgelati per comodità.

– Il mio cane mangia raramente cibo per cani, normalmente preferisce quello che mangiamo noi 🙂

 

Esperamos que esta pequeña explicación os haya sido útil e W il cibo di tutto il mondo 🙂

 

 

 

8 de marzo, Día Internacional de la Mujer

Se acerca el 8 de marzo y las profesoras de Centro Lingua Italiana hemos decidido, otro año más, adherir a la huelga de la mujeres.

Se trata de un paro internacional convocado en más de 150 países con el objetivo de hacer ver que si paran ellas para todo el mundo. Nuestras profesoras han decidido interrumpir la programación didáctica prevista para ese jueves y dedicar la mañana y la primera parte de la tarde a talleres  sobre todo tipo de violencia que viven las mujeres por ser mujeres  (violencia de género, diferencias salariales, dificultades en alcanzar puestos de dirección, diferencias de oportunidades en las universidades, precariedad laboral, dificultades en las entrevistas de trabajo, etc.). Se hablará también de los importantes movimientos organizados en Italia y de sus objetivos y logros.

Por la tarde participaremos en la marcha que saldrá a las 19:00 de la Plaza de Neptuno, Atocha o Plaza de Cibeles hasta Plaza de España.

Alessio Bondì y un trocito de Sicilia en Madrid.

 

Una de las curiosidades más grandes de l@s estudiantes de italiano es el tema de los dialectos hablados en Italia. Pues sí, son muchísimos y hay más diferencias entre algunos de ellos que las que puede haber entre distintos idiomas pertenecientes a una misma familia lingüística. De hecho, muchos de los dialectos italianos son verdaderos idiomas. Hoy en día todo el mundo habla italiano en Italia, un idioma estándard con variaciones según el lugar, la edad y, por supuesto, la situación comunicativa. Sin embargo, l@s suertud@s hablantes de dialectos, además de disfrutar de su fuerza expresiva espontánea, de tener una mayor facilidad a la hora de aprender un idioma extranjero (muchos de ellos por ejemplo comparten parte de léxico, fonética  y estructuras con el español), lo pueden emplear en la creación artística. Hace unos meses escribimos un post donde os aconsejabamos canciones cantadas en distintos dialectos de la Península y  en un comentario al post un amigo nos sugerió escuchar al cantautor siciliano Alessio Bondì. Lo hicimos enseguida y la música que crea nos emocionó mucho :).

Esta semana Alessio está de gira en España presentando su disco Sfardo. Sfardo es una palabra siciliana que  significa a la vez strappo en italiano y desgarro en español, y  también disfrute, ya que la espresión siciliana sfardare la vita o godersi la vita en italiano, quiere decir disfrutar de la vida. El disco debut salió  en Italia hace dos años y fue muy apreciado, primero en todo el país y luego  en la gira europea que finaliza aquí.

Alessio Bondì canta en palermitano, idioma de su entorno y de su ciudad natal Palermo. En sus canciones recurre a la poesía para hacer más bellas situaciones de la vida real acompañándolas con su guitarra. La critica lo define una mezcla entre un cuentacuentos y un cantante folk, soul y jazz, con influencia de la siciliana Rosa Balistreri, y de Devendra, Caetano Veloso o Jeff Buckley entre otros.

Sus poemas emocionan, le emocionan a él mismo en primer lugar y este energía llega al público que lo escucha creando una atmósfera preciosa, entre la alegría y la introspección. Nos lleva a los recuerdos más puros de la infancia, nos hace sonreir, sentir nostalgia y emocionar.

En Madrid lo podremos ver en directo el domingo 4 de marzo en el Café La Palma. 🙂

Aquí  van algunas de nuestras canciones favoritas: Di cu si habla del juego de robar la nariz que le encanta a los niños tanto italianos como españoles.

 

Vucciría, que cuenta la curiosa historia de un divertido enamoramiento en el mercado nocturno de Vucciria en Palermo.

 

Y Granni Granni, subtitulada en español en este precioso vídeo.

 

Esperamos que os guste y si vais al concierto que nos lo contéis en clase 🙂

La Tarantella en Madrid con Terra Taranta

Hola!

Si os gusta, o si queréis descubrir, la música tradicional de varias regiones del Sur de Italia, os aconsejamos el concierto de Terra Taranta el martes 6 de marzo en Cafè Berlin.

Es una música increiblemente transportadora acompañada por unos bailes tan frenéticos que llegan a ser hipnóticos.

La Taranta  es una danza que tiene orígenes muy antiguos. Nació para purificar a la gente que, según creyencias populares, padecía de histerismo tras el mordisco de una tarántula. Los bailes interminables ayudaban a expulsar el presunto veneno del insecto del cuerpo.

En este vídeo podéis ver un adelanto de cómo son estos músicos y esta bailarina, italian@s pero afincados en Madrid. Buena visión y ,si os animáis, buen concierto 🙂

 

Galateo spagnolo 2.0

Le alunne del livello A2  si sono trovate a parlare di educazione e gentilezza per arrivare a stabilire che queste sono alla base della vera eleganza. In un impulso di ottimismo, e un po’ spinte dalla loro insegnante, hanno pensato di scrivere un Galateo spagnolo per poter invitare tutti ad avere un atteggiamento positivo ed educato per strada.

Vi invitiamo quindi  a leggere il loro Galateo spagnolo 2.0.

Buona lettura!

La prima cosa che sarebbe importante per mostrare eleganza è il rispetto per gli altri. Per esempio, quando stai viaggiando nel metro dovresti ascoltare la tua musica con le cuffie per non dare fastidio agli altri e potresti anche cedere il tuo posto alle persone che ne hanno bisogno e non fare finta di dormire 🙂

Inoltre, quando sei per strada o entri in un negozio sarebbe raccomandabile salutare gli altri, ringraziare, camminare a destra, mantenere la porta aperta se c’è una persona dietro di te e dovresti aiutare gli anziani con el buste o aiutarli ad attraversare la strada.

Una delle cose più importanti è non sputare per strada perché fa schifo e danneggia il paesaggio urbano 🙂

Alla fine ti ricordiamo che il segreto del vero galateo spagnolo è che dovresti pensare agli altri prima di agire.

 

Notizie dal futuro: la casa nel 2050

Buongiorno, le nostre studentesse di un gruppo di italiano in azienda hanno fatto un viaggio nel 2050 e ora sono qui con noi per raccontarci come sarà la loro casa.

Hanno disegnato anche alcune piantine per farci capire meglio come sarà distribuito lo spazio e quali elementi innovativi esisteranno.

Buona lettura!!

 

20180205_142558La nostra casa nel 2050 sarà nel centro di Madrid e in una zona residenziale. Tutta l’area della casa sarà circondata da pannelli solari. Useremo questi pannelli solari per il riscaldamento e l’elettricità. All’esterno della casa ci sarà un giardino, un orto e un garage. Nel giardino ci sarà la cuccia per il cane (o per due cani) con tutte le comodità che ci vorranno così non entreranno in casa. Ci sarà anche un garage vicino alla casa e dentro al garage ci saranno i caricatori delle macchine che saranno automatiche e non avremo bisogno della benzina. La parte alta della casa avrà una piscina e varie amache e dei lettini e anche un piccolo giardino con fiori e verdure. L’ingresso della casa avrà un cancello con lettore di iride che permetterà l’apertura della porta solo con la nostra presenza.

 

 

 

20180207_143717Al piano terra si troveranno gli spazi comuni per tutti gli abitanti della casa. Per esempio nel salone ci sarà un divano molto grande fatto con materiali riciclati e un massaggiatore incorporato e un poggiapiedi automatico. Sul soffitto le lampade saranno LED. Avremo anche un tavolo molto grande con tante sedie per gli ospiti e per fare delle cene molto grandi. Dopo il salone ci sarà la cucina, che avrà una porta scorrevole elettrica perché preferiremo una cucina chiusa ma con questa porta potremo avere più spazio per usare il salone e la cucina allo stesso tempo. In cucina ci sarà un frigo molto moderno perché senza aprire il frigo potremo vedere che cosa c’è dentro. Avremo anche un microonde e un forno a risparmio energetico. La spazzatura andrà direttamente nella spazzatura municipale sotto terra. La lavastoviglie risparmierà più acqua. In mezzo ci sarà un’isola per fare colazione. Ci sarà una porta che darà sul giardino. Sempre al primo piano ci saranno due camere per gli ospiti esattamente uguali con un bagno e un letto matrimoniale. Ogni camera avrà un portafinestra per il giardino. Di fronte alle camere ci sarà il salone multifunzionale dove potremo fare yoga perché ci saranno due specchi grandi su ogni parete e la stanza si trasformerà in un cinema. Per questo motivo ci saranno dei divanetti comodissimi e dei piccoli tavolini per i popcorn biologici e le bevande. Sulla parete più grande scenderà uno schermo mobile. L’ultimo salone del piano terra sarà una stanza per la lavatrice e il ferro da stiro dove troveremos un asciugatrice aerea molto innovativa. Su questa parete ci sarà una porta comunicante con il garage e il ripostiglio.

 

20180207_143809Il primo piano sarà diviso in due stanze molto grandi e in mezzo ci sarà un ascensore con due uscite indipendenti. La prima camera sarà di Ruth e la camera per dormire non sarà molto grande, ci sarà solo un letto grande con due comodini e un un piccolo armadio per i vestiti. Sulla destra ci sarà un armadio cabina molto grande con una scarpiera e una cabina virtuale per provare i vestiti e quando non saprai cosa metterti potrà darti un’idea. Ci sarà un robot per “vestiti non sporchi” che saprà cosa non è sporco e lo metterà nello spazio corretto. Il bagno non sarà molto grande, avrà una doccia con acqua riciclata e un WC autolavabile. L’altra metà dello spazio sarà uno studio molto grande. Ci sarà una scrivania tecnologica e una scrivania artistica con due scaffali e tutta la camera sarà circondata da grandi finestre per la luce e vicino alle finestre ci sarà un divano per pensare con un piccolo tavolino e una lampada in LED. L’altra stanza avrà un letto grande e due comodini e il bagno sarà molto più grande di quello di Ruth, ci sarà anche una vasca da bagno ma solo per occasioni speciali per risparmiare l’acqua.

 

 

20180207_143735Al secondo piano ci saranno altre due stanze, per Nina e per me. Come al primo piano ci sarà un ascensore nel mezzo con due porte. Nella mia camera ci saranno finestre molto grandi per la luce e ci sarà una cabina armadio grande e il bagno grande per l’idromassaggio e un WC giapponese. Il lavandino sarà doppio e autolavabile mentre la parte con il letto sarà normale. Una parte dello spazio sarà destinata alla biblioteca con un divano e una poltrona per i massaggi. La camera di Nina sarà grande con una cabina armadio dove ci sarà un panca nel mezzo per scegliere comodamente i vestiti da indossare. Ci sarà un sensore vocale così l’armadio potrà trovare le cose che mi servono. Se diremo “occhiali” si aprirà il cassetto con gli occhiali. Il bagno non sarà esageratamente grande. La vasca da bagno ad angolo donerà molto spazio. Il resto della camera sarà per il letto, per i libri e la playstation 50. Ci sarà un puff e uno schermo grande per giocare ai videogiochi. Nella parete dietro al letto ci sarà una finestra enorme.