Mica pizza e fichi!

“Che vacanza, mica pizza e fichi!”

“Hai visto? Marco si è laureato con il massimo dei voti, mica pizza e fichi!”

Avete mai sentito questa espressione? La usiamo per indicare che la cosa di cui stiamo parlando ha un certo valore, e non è di poco conto. La frase inizia con “mica”, un parola che utilizziamo per esprimere una negazione, un sinonimo di “non”. Ma perché pizza e fichi? L’espressione viene dalla provincia romana, dove la pizza e i fichi erano cibi poveri: la pizza si fa con pochi ingredienti e a basso costo, mentre i fichi erano frutti che crescevano in abbondanza e facilmente reperibili, quindi pizza e fichi era un piatto povero.

Però ancora adesso mangiamo la pizza bianca romana (bassa e croccante) con sopra i fichi, ed è buonissima! E sinceramente adesso i fichi non sono più un frutto così economico, quindi, un piatto da re!

Assolutamente da provare!

Cosa bolle in pentola a settembre?

I fichi sono il frutto settembrino per eccellenza. Grazie al loro sapore molto dolce sono ottimi da mangiare sia freschi, da soli o per accompagnare formaggi e prosciutto crudo,  che secchi, magari ripieni di noci, ma sono anche un ottimo ingrediente principale per piatti dolci o salati.

Noi abbiamo provato queste ricette che vi consigliamo.

  1. La marmellata di fichi senza zuccheri aggiunti

Per fare la marmellata avete bisogno di 5 chili di fichi maturi, 500ml di acqua, il succo di mezzo limone e una mela con la buccia. Prendete una pentola capiente e versateci dentro la frutta tagliata e l’acqua.  Accendete i fornelli e da quando l’acqua inizia a bollire calcolate un’ora di cottura mescolando di tanto in tanto. Dopodiché, versate la marmellata ancora calda nei vasetti sterilizzati (per sterilizzarli dovete farli bollire nell’acqua per mezzora insieme ai loro coperchi), chiudeteli bene e fateli raffreddare a testa in giù coperti con uno strofinaccio. Ecco fatto, i vostri vasetti di marmellata sono pronti: potrete gustarla a colazione sul pane o a pranzo e a cena insieme ai formaggi.

20150831_220756[1]

2. La crostata di fichi e mascarpone

Questa torta è una vera delizia. Come dicevamo prima, se i fichi si sposano bene con i formaggi immaginatevi con il mascarpone… Vi è già venuta l’acquolina in bocca? Normale! Non perdete tempo, munitevi degli ingredienti necessari e seguite questa ricetta suggerita dal nostro amato sito giallo zafferano.it

3. Il gelato ai fichi

Il gelato è la nostra passione, chissà quanti ne avremo mangiati durante l’estate, ma nonostante ciò non ci stufa mai e approfittare delle ultime settimane di caldo per mangiarne ancora un po’ ci sembra d’obbligo.  Quello ai fichi è un gusto originale e delizioso. Noi lo abbiamo fatto in casa con la macchina del gelato, uno strumento molto popolare negli anni Novanta che potete vedere in questa pubblicità, per attribuire un tocco vintage alla ricetta.  Se non avete una gelatiera, non disperate, con un po’ di pazienza in più il gelato lo si può fare lo stesso. Gli ingredienti che abbiamo utilizzato per fare  circa sei porzioni di gelato ai fichi sono i seguenti: 450 grammi di fichi già sbucciati, 50 grammi di zucchero di canna, 27o millilitri di latte intero, 2 cucchiai di succo di limone. Una volta preparati tutti questi ingredienti, li dovrete mettere in una terrina e frullarli con il frullatore ad immersione. A questo punto, per prepararlo senza gelatiera, dovrete mettere la terrina nel freezer e coprirla con la pellicola. Dopo circa 3 ore, quando il composto sarà ben congelato, dovrete smantellare il ghiaccio con un cucchiaio e rimetterlo nel congelatore. Questa operazione andrà ripetuta più volte fino ad ottenere un gelato cremoso. Il procedimento è un po’ lungo, ma vi assicuriamo che il risultato vale totalmente la pena e  saper fare il gelato è una soddisfazione.

4. Il risotto ai fichi e pecorino

Ed ora una ricetta salata per due persone. Vi serviranno questi ingredienti: 140 grammi di riso da risotto, un pentolino di brodo vegetale, 3 cucchiai di olio extra-vergine di oliva per il soffritto, una cipolla dorata piccola, 3 fichi, del pecorino semi stagionato, del burro, un pizzico di sale.

20150901_145956[1]

Fare un buon risotto non è difficile, ma quando lo si prepara è imprescindibile seguirlo durante tutti i 20 minuti di cottura. La prima cosa da fare è mettere a bollire il brodo in un pentolino e tritare la cipolla fina fina per il soffritto. Dopo bisogna mettere la cipolla nell’olio mantenendo il fuoco basso fino a farla soffriggere. Quando la cipolla sarà imbiondita, dovrete alzare un po’ la fiamma, aggiungere il riso e mescolarlo di tanto in tanto lasciandolo tostare per circa due minuti. A questo punto potrete aggiungere una parte del brodo in ebollizione, tre volte tanto l’altezza del riso e non appena il riso comincerà a bollire, abbassare la fiamma a una misura media. Mentre il riso cuoce, gratuggiate il pecorino e tagliate i fichi a spicchi senza però mai perdere di vista la pentola con il riso. Attenzione, dovrete versare un po’ di brodo ogni volta che starà per asciugarsi, un accorgimento fondamentale per la buona riuscita del risotto. Assaggiate di tanto in tanto per controllare la cottura e la salatura, ma non dimenticate che il pecorino che metterete alla fine è un formaggio di per sé salato. Quando il riso sarà al dente, spegnete il fuoco, aggiungete il burro e mescolate rapidamente. Infine, aggiungete pecorino e fichi.. et voilà, il vostro risotto sarà pronto per essere servito.

Buon appetito e se decidete di fare una di queste ricette, non dimenticatevi di mandarci un assaggino o  una foto ;).