Suo o loro? Alcune frasi per esercitarvi con l’uso degli aggettivi possessivi.

In alcune di queste frasi è stato usato l’aggettivo possessivo sbagliato…Quanti errori trovate? Potete risponderci con un commento, scriverci a info@centrolinguaitaliana.es o controllare la soluzione in classe con la vostra insegnante.

Buon lavoro!!!

 

  1. Anna e il suo nuovo ragazzo sono troppo simpatici.
  2. Luca e Marta tornano a Milano martedì perché è il compleanno della sua mamma.
  3. Oggi facciamo una festa a casa di Giovanna e Francesco perché i suoi figli sono dai nonni tutto il fine settimana
  4. Martina va spesso a correre con la sua cagnolina.
  5. Roberto ci tiene molto alla sua chitarra.
  6. I musicisti che suonano la domenica al mercato sono davvero bravi. I suoi strumenti sono tutti fatti a mano con del materiale riciclato.
  7. Mi piace passare i pomeriggi da Rodrigo e Simone. Ascoltiamo sempre buona musica perché i vinili dei suoi genitori sono fantastici.
  8. Il loro gatto è veramente affettuoso. Ogni volta che andiamo a trovarli ci fa sempre le fusa.
  9. Adoro i Beatles. Ho quasi tutti i suoi dischi.
  10. Ho incontrato Lucia con la sua sorella ieri. Ho rischiato di non riconoscerla perché è cambiata moltissimo. I suoi capelli sono lunghissimi e avrà perso almeno dieci chili.
  11. I baristi di quel locale sono simpaticissimi e il suo spritz è il migliore del quartiere.
  12. Lorena è tornata dall’Italia e mi ha mostrato le sue foto. Fanno venire voglia di andarci subito.
  13. Adriano ci tiene moltissimo alle sue camicie. Non le presterà mai ai loro fratelli minori.
  14. La Sicilia è un’isola spettacolare e i suoi abitanti sono molto ospitali.
  15. Giorgio è un bravissimo cuoco. I suoi risotti sono la fine del mondo e fanno impazzire tutti i clienti del ristorante.
  16. Gianni e Andrea sono troppo permalosi. La sua reazione è esagerata.
  17. Lucilla adora gli irlandesi ma non capisce ancora del tutto il suo accento.
  18. Debora e Claudia sono le mie cugine preferite.
  19. Gli insegnanti di quel liceo sono preparatissimi. I suoi studenti sono molto fortunati.
  20. Ti piacciono le mie scarpe nuove? Le ho comprate ieri nel nuovo negozio della piazza.
Annunci

Los falsos amigos del mes: chicco y grano.

Hola!

Hoy os hablamos de los falsos amigos del mes de Octubre que pueden dar lugar, como siempre, a situaciones ambiguas sobre todo en el campo o en panaderia.

En italiano il grano es un cereal del que deriva la harina más común que se usa habitualmente para la elaboración del pan y de la pasta.

Si en cambio nos referimos a una única semilla de ese cereal (o también de café u otras plantas), hablamos de chicco.

Por ejemplo:

  • I pizzoccheri si preparano con la farina di grano saraceno.
  • Los pizzoccheri se preparan con la harina de trigo sarraceno
  • Ho comprato mezzo chilo di pane di farina di grano e mezzo chilo di farina di farro.
  • He comprado medio kilo de pan de harina de trigo y otro medio kilo de harina de espelta.

 

  • Negli anni Novanta andavano di moda dei ciondoli con il nome scritto su un chicco di riso
  • En los Noventa estaban de moda unos colgantes con el nombre escrito sobre un grano de arroz.

 

En español el grano es también un abultamiento pequeño que nace en alguna parte del cuerpo, sobretodo en l@s adolescentes. ¿Sabéis cómo se dice esto en italiano?

 

 

 

 

 

 

Film italiani (parte uno).

Buongiorno!

Guardare film di un altro Paese è forse il modo migliore per immergersi nella sua cultura  quando si studia la lingua a chilometri di distanza.

Attraverso le pellicole, infatti, osserviamo dinamiche di vita, comportamenti umani, condizioni sociopolitiche, episodi storici, riferimenti culturali e luoghi urbani o naturali del territorio.

Inoltre, dal punto di vista dell’apprendimento linguistico, il film ci permette di riconoscere strutture e espressioni apprese, capirne meglio l’uso pratico e di impararne nuove. Fin dai primi mesi di studio della lingua, anche quando ancora non si capiscono tutti i dialoghi, è comunque un esercizio utile che aiuta ad abituare l’orecchio alla nuova lingua e a stimolare la curiosità.

Lo studente spettatore più esperto invece può osservare e imparare pian piano a riconoscere le variazioni diafasiche della lingua, quelle legate alla situazione comunicativa e al contesto, le variazioni diatopiche, quelle legate al luogo di provenienza, con le quali è più difficile entrare in contatto quando si studia la lingua all’estero, e le variazioni diastratiche, quelle legate alle differenze sociali e all’appartenenza a un gruppo.

Tutti questi aspetti si aggiungono alle emozioni che un bel film trasmette.

Vi suggeriamo a continuazione trailer o scene di  alcuni film che ci sono piaciuti particolarmente. Sono film di vari generi, anni, registi e registe  e ci auguriamo che li amiate anche voi e che vi risultino utili per fare passi avanti nel vostro apprendimento dell’italiano.

  1. Johnny Stecchino, regia di Roberto Benigni (1991).

 

2. Tutti giù per terra, regia di Davide Ferrario (1997).

3.  Smetto quando voglio, regia di Sydney Sibilia (2014).

4. Io sono Li, regia di Andrea Segre (2011).

5. Chiamami col tuo nome, regia di Luca Guadagnino (2017).

6. Il grande cocomero, regia di Francesca Archibugi (1993).

(scena).

7. Pane e tulipani, regia di Silvio Soldini (1999).

8. Le meraviglie, regia di Alice Rohrwache (2014).

9. La pazza gioia, regia di Paolo Virzì (2016).

10. Gli amici del bar Margherita, regia di Pupi Avati (2009).

 

Questi sono solo i primi dieci suggerimenti 🙂 Speriamo che possiate (ri)vederli e aspettiamo le vostre opinioni, in classe o qui :).

Lessico: per sicurezza

L’espressione per sicurezza è molto utile quando vogliamo prendere una precauzione (o consigliare a qualcuno di farlo) che può risultare utile e facilitarci le cose in futuro.

Significa infatti per ogni evenienza, per precauzione.

Per esempio:

  • La giornata si sta guastando, è meglio prendere l’ombrello per sicurezza.
  • El día se está poniendo feo, mejor coger el paraguas por si acaso.
  • Non so se verrò a lezione domani, puoi dirmi che cosa farete, per sicurezza?
  • No sé si iré a clase mañana, ¿me puedes decir lo que vais a dar, por si acaso?
  • Compra una cassa di birre in più, per sicurezza.
  • Compra un pack de cervezas más, por si acaso.

Per sicurezza ha un’espressione equivalente: (che) non si sa mai.

  • Prenotiamo un tavolo per sabato, che non si sa mai.
  • Reservamos una mesa para el sábado, por si acaso.
  • È meglio ripassare anche i comparativi prima dell’esame, non si sa mai.
  • Es mejor revisar también los comparativos antes del examen, por si acaso.
  • Meglio essere gentili, che non si sa mai.
  • Mejor ser amables, que nunca se sabe.

Se l’evenienza è meno probabile possiamo anche dire (giusto) in caso

Per esempio:

Avvisiamo anche Marco, giusto in caso. (Marco di solito non partecipa a questo tipo di eventi, ma possiamo provare ad avvisarlo nel caso in cui decidesse di venire).

Mi porto anche una giacchetta, giusto in caso. (Sto andando in vacanza in un posto caldo e probabilmente la giacchetta resterà in valigia, ma non si sa mai…).

 

 

 

 

Grazie a tutt* / Gracias a tod@s

Grazie mille!

Buongiorno!

Anche quest’anno scolastico, il nostro quarto anno con Centro Lingua Italiana, sta per finire.

Molti studenti sono già in vacanza da qualche settimana 🙂 e anche il nostro team sta per partire  🙂 ma non senza prima avere ringraziato tutt* !!!

Grazie mille per il vostro interesse, per i vostri consigli e le vostre idee, per essere venuti sempre a lezione con un sorriso (anche nelle lunghe settimane di pioggia a Madrid), per aver collaborato con i compagni e le compagne del corso, e per la vostra curiosità per la lingua e la cultura italiana. Grazie a chi in azienda è venuto sempre a lezione spensierato lasciando sulla scrivania lo stress accumulato nella giornata e i mille appuntamenti in agenda.

Congratulazioni per i traguardi raggiunti 🙂 e in bocca al lupo ai più giovani che a settembre andranno in Erasmus in Italia.

Vi auguriamo di trascorrere un’estate indimenticabile e vi aspettiamo a settembre :).

Ecco alcune foto ricordo dell’anno!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Un forte abbraccio dal  nostro team!

 

 

Los falsos amigos del mes: Cámara y Camera.

Hola! Hoy empezamos una nueva sección del blog dedicada a los falsos amigos, esas palabras que confunden tanto a los estudiantes de italiano y de español. Los dos idiomas, de hecho, son muy similares, pero no tanto como parece a primera vista.

El falso amigo de hoy es cámara.

En español usamos una cámara (fotográfica) para sacar fotos.

p. ej. La cámara de mi móvil es espectacular: saca unas fotos estupendas.

En italiano, en cambio, las fotos se sacan con la macchina fotografica.

p. ej. La macchina fotografica del mio cellulare è fantastica: fa delle foto stupende.

En la lengua italiana la palabra macchina se usa a menudo cuando nos referimos a un aparato mecánico que mejora el trabajo humano.

En italiano la palabra camera significa cuarto o habitación, similar a la acepción de la palabra como” Sala o pieza principal de una casa “, aunque en italiano se refiere sobretodo a la habitación.

p. ej. La mia camera è molto luminosa.

p. ej. Mi cuarto es muy luminoso.

Curiosamente cuando el léxico es más específico la palabra coincide en ambos idiomas:

cámara de comercio / camera di commercio

cámara obscura / camera oscura

Cámara de aire / camera d’aria           

Cámara lenta / camera lenta

Cámara de video / videocamera

Cámara de los diputados  / camera dei deputati

                          

 

 

 

Cosa succede a Madrid a San Isidro?

I festeggiamenti di San Isidro si avvicinano e le nostre studentesse dell’A2 vi consigliano di visitare la capitale spagnola. Dategli retta, non ve ne pentirete ;)!

Volete ascoltare diversi artisti contemporanei dal vivo?

Volete assaporare le rosquillas e il più tradizionale cocido madrileño alla pradera de San Isidro?

Volete imparare a ballare le danze tradizionali come in questo video?

Allora dovete venire a Madrid dall’11 al 15 maggio (in questo link il programma in spagnolo ) per i festeggiamenti di San Isidro, il patrono della città.

Vedrete i vestiti tradizionali dei Chulapos che si incontrano sul prato di fronte al Palazzo Reale e alla Pradera.

In molte parti della città potrete ballare, mangiare e ascoltare musica: è troppo divertente!

Sui palchi de Las Vistillas, alla Latina,  potrete ascoltare molti artisti di diversi generi musicali. E anche al Matadero, al parco del Retiro, nella Plaza Mayor e in molti altri angoli della città.

Insomma, potrete godervi tantissime attività all’aperto ideali per tutti i gusti 🙂