La moda a Ciudad Santo Domingo (Madrid)

Buongiorno! Ecco un testo di una delle nostre studentesse del corso Senior che ci parla della moda in una zona residenziale non lontana da Madrid, in cui ha vissuto per molti anni.

Ho vissuto a Ciudad Santo Domingo per 40 anni. È una zona residenziale che si trova a 30 km di distanza da Madrid. Le persone del quartiere avevano stili molto diversi nel vestire.

C’erano i giovani che vestivano all’ultima moda, con le ultime tendenze: jeans, magliette e scarpe da ginnastica, casual ma sempre firmati. Gli adulti invece, sia uomini che donne, sia anziani che sulla cinquantina, indossavano abiti classici ed eleganti soprattutto durante la settimana. Il fine settimana invece cambiavano stile e indossavano abiti sportivi per godersi la natura circostante, le pinete e i querceti, i giardini e  e le aree intorno alle villette che erano destinate allo sport come e le palestre e le piscine . Era un quartiere tranquillo, divertente e perfetto per tutte le età.

 

 

 

Annunci

Un fine settimana a Madrid

Madrid è una città che offre molte attività divertenti al visitatore. Ecco alcuni consigli per il fine settimana.

  1. I madrileni sono molto simpatici, aperti e amichevoli ed amano interagire con tutti.
  2. Nel centro storico puoi trovare molte strade piene di storia. Divertiti come un madrileno perché qui non c’è differenza tra turisti e gente del luogo.
  3. Il clima non è molto estremo ma guarda le previsioni del tempo per avere gli abiti giusti per il fine settimana.
  4. I prezzi: a Madrid niente è economico; ti consiglio di prenotare l’albergo in anticipo e di guardare i prezzi prima.
  5. La sicurezza: Madrid è come qualsiasi altra città europea: devi stare attento e tenere bene sott’occhio il portafoglio, il cellulare e la borsa.
  6. Negozi: puoi trovare negozi e bar per tutti i gusti e per tutti i portafogli.
  7. Dove mangiare: Madrid ha molti ristoranti tradizionali. Goditi tutti i piatti tradizionali. Puoi consultare questa web per trovare i migliori ristoranti. Se hai nostalgia della pizza, leggi questo post.
  8. La sera Madrid ha molti bar, pub, locali dove bere qualcosa o andare a ballare.
  9. Numeri utili: se hai un problema chiama l’112.
  10. Musei e monumenti: compra i biglietti online così puoi avere tempo per altre cose.

Buon divertimento!

 

LE TENDENZE DELLE RAGAZZE  DEL QUARTIERE SALAMANCA

 

 Le ragazze del quartiere di Salamanca hanno registrato una serie di norme:

1.- Borsetta gigante appesa al braccio. Tutte portano delle borse più grandi di loro ma quasi vuote, solo introducono le chiavi, il cellulare, il portafogli e poco più.

2.- Custodia. Lacustodia dell’ i Phone deve essere grande, di plastica e spettacolare.

3.- I Capelli. L´effetto spettinato è allordine del giorno. Probabilmente sono state due ore davanti dello specchio per portare i capelli  lunghi ed ingarbugliati, che sembra che non siano stati pettinati. Il colore leader è il castano in tutte le sue tonalità.

4.- Gli occhiali enormi sono un altro pilastro basilare. Se piove, nevica o sono le sette del pomeriggio è uguale, l’importante è portarli.

5.- L´orlo. Indossare i pantaloni rimboccati è di moda, ma le ragazze portano quella tendenza all’estremo congelando le loro caviglie senza pietà durante i mesi di gennaio e febbraio.

6.- Running. Tutte hanno un sacco di scarpette da corsa di mille colori e stili che si abbinano alla perfezione con i loro pantaloni a sigaretta rimboccati. Ma ovviamente di correre non se ne parla.

7.- Maglioni enormi. A tutte le piacciono i maglioni enormi. Molte volte usano quelli del loro padre, cinque taglie più grandi abbinandoli ai loro fuseaux perché è la cosa più cool.

8.- Polsi pieni. Se possono portare un orologio XXL, insieme a cinque braccialetti di pelle, tre con amuleti, due di oro riescono ad essere la leader di tutte loro.

 

 

L’italiano con le canzoni di Max Gazzè

Prima del concerto di Max Gazzè del 22 novembre a Madrid, abbiamo svolto delle attività con gli studenti e le studentesse per capire meglio alcune canzoni.

20181119_183239.jpg

Riportiamo qui l’attività con la canzone Cara Valentina, che parla di incomprensioni tra una coppia  che hanno causato la fine di un amore, e la risposta di diversi gruppi di studenti.

Leggi il testo insieme ad un compagno e immagina qual è il legame tra l’autore e Valentina.
Che relazione hanno avuto? Quali sentimenti hanno provato? Cosa è successo tra loro? Cosa si aspetta Valentina da lui?

Dopo aver analizzato le parole dell’autore scrivi la risposta di Valentina.
Cara Valentina il tempo non fa il suo dovere

E a volte peggiora le cose

Credimi pensavo davvero di avere superato

Il momento difficile
Ed ancora adesso non mi è chiaro lo sbaglio che ho fatto

Se il vero sbaglio è stato il mio

Perché dai miei trent’anni ti aspettavi un uomo

Col senso del dovere
Perché chi s’innamora non deve dirlo a nessuno, nessuno

Oppure un’imprudente enfatica demenza Nel farti le carezze girata dall’altra parte
Ho la strana sensazione di un amore acceso Esploso troppo presto fra le mani E cara Valentina che fatica innaturale perdonare a me stesso Di essere io di essere fatto così male
Cara Valentina il tempo non fa il suo dovere E a volte peggiora le cose
E tu sarai il pretesto Per approfondire Un piccolo problema Personale di filosofia Su come trarre giovamento dal non piacere agli altri Come in fondo ci si aspetta che sia
Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero
Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento Per esempio non è vero Che poi mi dilungo spesso Su un solo argomento.

 

Ecco le risposte:

Questo slideshow richiede JavaScript.

E voi come rispondereste? Secondo voi i due innamorati tornano insieme? Restano amici? Si lasciano per sempre?

Aspettiamo le vostre risposte 🙂

 

Bendita Ignorancia

Ayer la productora super8 invitó a nuestras profes a la proyección de la comedia italiana Bendita Ignorancia de Massimiliano Bruno  en el Palacio de la Prensa de Madrid.

 

 

Bendita Ignorancia trata el tema de la dependencia de las redes sociales presentando a dos profes de instituto que no podrían ser más  antagónicos: uno es mujeriego, ignorante y considera google una estención del cerebro humano, el otro es cabezudo, vive acompañado por los grandes clásicos de la literatura y obliga a los alumnos a dejar los móviles en su mesa durante las clases para que se concentren únicamente sobre las poesías de Foscolo.

Estas diferencia serían bastantes para acernos sospechar que esos hombres muy bien no se tendrán que llevar. Además comparten una historia de unos años atrás, cuando una mujer se enamoró de ambos, del físico de uno y de la mente del otro y eso hace que sigan peleándose y gastando bromitas todo el rato. Sobretodo cuando la hija de esa mujer decide convertirlos en los protas de un documental sobre la influencia de las redes sociales en la sociedad contemporánea, obligando al adicto a la astinencia total con incluso un grupo de ayuda para gente que no sabe vivir sin compartir todo lo que hacen en el móvil e introduciendo al otro en el mágico mundo del facebook y de las tutorías con los padres en chat.

 Una buena ocasión para conocer un poco más de las comedias ligeras del cine italiano ;).

 

 

Conoscete la tradizione dei 13 spilli a Madrid?

Buongiorno!

Oggi vi parliamo di una festa madrilena molto curiosa che ci hanno raccontato  le nostre studentesse.

Se state cercando l’amore, leggete attentamente ;).

La festa ha luogo il 13 giugno, il giorno di Sant’Antonio, e la tradizione, che risale al Diciannovesimo secolo, fu inventata dalle sarte della città. Un gruppo di giovani sarte un anno si recarono presso l’eremo di Sant’Antonio de la Florida e gettarono nell’acquasantiera 13 spilli. Dopodiché inserirono la mano nella pila decidendo che il numero di spilli attaccati al palmo avrebbe indicato il numero dei pretendenti che avrebbero avuto quell’anno.

Col passare del tempo la tradizione ha acquistato notorietà e hanno iniziato a fare lo stesso molti ragazzi e ragazze della città che il 13 giugno visitano la chiesetta e riempiono anno dopo anno la pila di spilli.

La tradizione si rifà a un miracolo avvenuto a Roma. Secondo la leggenda, San Atonio da Padova è apparso infatti a un giovane che non voleva sposare la sua fidanzata convincendolo a farlo.

La chiesetta è un po’ fuori dal classico circuito turistico e per questo motivo sono in pochi a conoscerla; potrete raggiungerla con una piacevole passeggiata dalla stazione di Principe Pio. Vi consigliamo di andarci per ammirare gli affreschi di Francisco de Goya e visitare una parte delle sue spoglie. L’ingresso è gratuito e qui trovate gli orari di apertura.

 

 

Club di lettura 2017/2018

Buongiorno a tutti!

Abbiamo scelto i titoli del club di lettura di quest’anno scolastico. Quest’anno gli incontri avranno luogo una volta al mese, sempre di lunedì dalle 19:00 alle 20:30 seguendo questo calendario:

23/10/2017       Margherita Hack, Le mie favole

27/11/ 2017      Marco Missiroli, Atti osceni in luogo privato

18/12/2017       Roberto Saviano, La paranza dei bambini

29/01/2018       Donatella di Pietro, L’arminuta

26/02/2018       Paolo Cognetto, Le otto montagne

26/03/2018       Mario Calabresi, Cosa tiene accese le stelle

23/04/2018       Zerocalcare, Kobane Calling

28/05/2018       Simonetta Agnello-Hornby, La Mennulara

18/06/2018       Michele Serra, Il ragazzo mucca

Durante ogni incontro i partecipanti si confronteranno sul libro letto moderati dall’insegnante che potrà risolvere dubbi linguistici e aggiungere nozioni sul libro, l’autore e il contesto letterario nel quale si inserisce.

Per le iscrizioni, o per avere ulteriori informazioni, scriveteci al info@centrolinguaitaliana.es

Vi aspettiamo 🙂