Lessico: barare

Buongiorno!

Oggi parliamo di un verbo molto importante, specialmente quando facciamo dei giochi con i nostri studenti.

Barare significa truffare al gioco. Per esempio se durante una partita al “cinquillo” guardi le carte dei tuoi avversari stai chiaramente barando.

Vediamo alcuni esempi:

  • Dai, non barare!
  • Venga, no hagas trampas.

 

  • Barando sono bravi tutti a vincere
  • Haciendo trampas, gana cualquiera!

 

La persona che bara è un baro, parola che deriva dal latino baro -onis, ovvero briccone, cialtrone. Attenzione, siccome il sostantivo femminile risulta troppo ambiguo e di cattivo gusto (la bara è la cassa in cui si depongono i morti) quando a barare è una donna si preferisce usare la parola imbrogliona.

Marta è un’imbrogliona… Guarda sempre i cartellini degli altri studenti.

Marta es una tramposa… Mira las tarjetas de los otros estudiantes todo el rato.

Lucas, smettila! sei un baro / un imbroglione

Lucas, basta! Eres un tramposo.

 

L’espressione spagnola caer en la trampa invece si traduce con il verbo pronominale cascarci, di cui vi parleremo prossimamente.

 

 

 

 

Lessico: magari!!, magari e magari…

Oggi vi parliamo di una parola che incuriosisce spesso gli studenti di italiano: MAGARI.

Magari a stuzzicare l’attenzione è il suono di questo termine di origine greca, o magari il fatto che, avendo diversi significati, è una parola che si utilizza spesso. L’altro giorno uno studente ci ha confessato che quando ha partecipato alla sua prima conference call con i colleghi italiani pensava che “Magari” fosse un membro importante del team. (Magari è stato questo episodio a spingerlo ad iscriversi al corso).

Vediamo insieme gli usi principali!

  1. Magari come esclamazione. Magari!

Quando usiamo magari come esclamazione (di solito in una risposta) possiamo voler esprimere un desiderio (irrealizzabile, ahimè) o un rimpianto.

  • Domenica vieni al mare con noi?
  • Magari!! ( = mi piacerebbe ma non posso; è come se dicessi: “magari potessi venirci”).
  • Hai mai visto Lucio Dalla dal vivo?
  • Magari! (= non l’ho mai visto, ma mi sarebbe piaciuto).

Possiamo anche usare magari per esprimere un desiderio:

Magari capissi il bene il portoghese! Magari potessi viaggiare per un anno! Magari potessi comprare una villa con il giardino in centro a Madrid!

 

2. Magari come avverbio con diverse sfumature. Magari.

Usiamo magari come sinonimo di forse per fare un’ipotesi o esprimere un’incertezza.

  • Sai perché Luisa non è ancora arrivata al corso?
  • Boh, magari ha perso il treno
  • Quando ci rivedremo?
  • Magari in agosto. Ti faccio sapere appena prendo i biglietti.
  • Magari mi sbaglio, ma il nuovo capo sembra poco simpatico.

 

Lo possiamo usare anche per rifiutare una proposta che non ci entusiasma. Magari…

  • Ti va di venire a cena da me?
  • Magari… è meglio se facciamo un’altra volta!

Come sinonimo di addirittura per indicare una scelta che, per quanto estrema, preferiamo ad un’altra.

  • Accetterai di scrivere l’articolo per quel giornale?
  • Manco morta! Magari presto resterò senza soldi, ma non ho nessuna intenzione di collaborare con loro mentendo!

Come sinonimo di semmai, eventualmente.

  • Domani forse tornando dalla montagna passiamo da te!
  • Magari avvisatemi così vi preparo qualcosa di buono per cena.

Come sinonimo di anche se.

  • Saliremo in cima al Monte Bianco, magari con qualche tappa, ma ce la faremo.
  • Magari ci metterò un po’ di tempo con tutti gli impegni che ho, ma voglio imparare l’italiano alla perfezione.

E per finire ecco alcune frasi divertenti prese da alcune pagine web italiane!

 

 

 

.